mercoledì 21 settembre 2011

RAMMARICATA

Questo autunno, comincia male, già la fine dell'Estate era sta abbastanza grigia, ma si sta facendo sempre piu' buio...
Non sto scrivendo molto, perché in realtà non voglio ammorbarvi coi miei problemi... Solo che la ditta dove lavora mio marito alla fine chiuderà. Hanno fatto un'offerta per rilevarla, ma hanno rifiutato. Non si sa nemmeno se avranno la mobilità retribuita... Puo' darsi che non chiudano e riducano il personale, puo' darsi tutto e nulla. Ieri mi ha detto che anche il ristorante sul quale speravamo per ripiego nei momenti in cui sarà senza lavoro è in trattativa per vendere e non si sa se lo tengono. A me tutta questa incertezza mi ammazza! Ho così tanta paura... L'ignoto  per me è un dramma da affrontare. Abbiamo iniziato quindi a risparmiare su tutto, perché piu' soldi avanzano meglio è: non si sa quanto rimarrà senza lavoro e siccome la ditta dov'è ha piu' di 60 operai non ha nemmeno la liquidazione perché ha dovuto darla per forza ai fondi di previdenza sociale per la futura pensione integrativa.
E dire che che ora a lavoro da me potrebbe essere un momento giusto per chiedere il part time, perché ci sono pochi ordini e poteva essere giustificato come risparmio dell'azienda... E dire che avevamo pensato di assemblare il secondo cucciolo... Ci è andata di lusso, perché abbiamo provato d'Agosto, quando sembrava che fosse tutto ok e definitivo per il suo lavoro e per fortuna non sono rimasta incinta.
Sono demoralizzata, demotivata, non vedo vie di uscita. Anche perché se cerchi lavoro non ce n'è e se ti prendono lo fanno solo se sei in mobilità, quindi bisogna proprio aspettare che la nave affondi del tutto prima di venire via, senno' perde tutto.
Nel frattempo è ricominciata la scuola e Lorenzo ha fatto Mercoledì, Giovedì e Venerdì, poi si è ammalato. Ora è a casa con antibiotico e Aereosol perché è marcio... E mi sento già morire a riportarcelo perché lo scenario dall 9 di sera alle 8.30 del mattino dopo quando lo lascio alla maestra è un continuo piangere, lagnare, insistere che a scuola no.
Ecco ora l'ho fatto, vi ho raccontato... Se non ci sono aggiornamenti, non credo scrivero' per un po' perché faccio invidia alla depressione come argomenti!

4 commenti:

Fabi ha detto...

Tieni duro...prima o poi la ruota girerà, ne sono sicura ma soprattutto te lo auguro. Per quanto riguarda i malanni del bimbo non sei sola e quindi come si dice "Mal comune mezzo gaudio" il mio Henk lunedì scorso è andatao al suo primo giorno d'asilo per poi stare a casa un'intera settimana anche lui alle prese con antibiotico e Aerosol...e pensare che credevo che essendo il secondo si fosse già fatto gli anticorpi grazie al fratellino...sèèèè ma quando mai!!! Non mollare e scrivi ogni volta che vuoi...Un bacione

Ladyna ha detto...

Speriamo che tante cose cambino purtroppo.. anche noi stiamo tirando la cinghia più possibile.. le ore di straordinario sempre più ridotte, ferie non restribuite (per cotratto).. e via dicendo.. e tante innumerevoli spese non previste.. incrociamo sempre le dita..e qualcosa cambierà! Coraggio!

sposa_di_giugno ha detto...

uff...non c'è davvero mai un momento di pace. Ti penso

Speranza ha detto...

Coraggio. Non è facile, ma sei molto forte. Un abbraccio.